Smart Working #4 – La zona relax

Ambiente ufficio zona relaxCom’è la zona relax del vostro ufficio? Spesso bistrattata e allestita alla meglio in spazi di risulta, con mobili riciclati, assume oggi un’importanza fondamentale, tanto che spesso è usata come piccola zala riunioni.
Lo spazio in cui lo stress è lasciato da parte per 5 minuti è anche il luogo in cui scambiare due parole con i colleghi e magare fare quattro risate… Cattive abitudini?
Niente affatto!
Proprio in questi momenti la mente si apre a soluzioni fuori dagli schemi imposti, ci si confronta su piccoli problemi e studi dicono che le idee geniali nascono da questi luoghi!
Allora perchè non approfittarne? ecco che la tendenza porta ad allestire ambienti di vero relax,magari con il calcetto o cibìn poltroncine particolarmente comode o divertenti, ecco la parete su cui scarabocchiare idee appena abbozzate e un tavolo da riunione high desk, per meetings improvvisati.
La sala caffè è viva ed assolutamente non è una perdita di tempo! Da zona relax diventa operativa a tutti gli effetti!

JOYCEIS3 la nuova collezione di Interstuhl

joyceis3, interstuhl, ambiente ufficio

Da Interstuhl azienda produttrice leader in Europa nel settore delle sedute da lavoro, presente da oltre 50 anni arriva la nuova collezione di sedie girevoli JOYCEIS3.

Un artista della trasformazione che cerca di entusiasmare con la sua grande varietà.

Che si lavori in un grande ambiente open space o in un ufficio singolo: quando si tratta di favorire processi di lavoro che esigono concentrazione, JOYCEIS3 si focalizza in primo luogo sulla persona.
La flessibile sedia girevole pone al centro le esigenze ed i desideri individuali dell’utilizzatore.
Offre ampie possibilità per una configurazione a misura in termini di versioni dello schienale, imbottitura e colori.
Con questa enorme varietà di gamma il JOYCEIS3 crea lo spazio per una performance ottimale – e garantisce inoltre il piacere della scelta della propria combinazione da sogno.

Così mutevoli – così costanti.

Il JOYCEIS3 si adatta all’ambiente senza alcuna difficoltà. Risulta convincente per tre diversi aspetti e dà sempre prova del suo carattere inconfondibile: Dalla classica versione imbottita, alle moderne varianti con lavorazione a maglia, fino allo straordinario linguaggio delle forme del nuovo FlexGrid per lo schienale – JOYCEIS3 porta una ventata di freschezza nell’ufficio, offre tutte le principali possibilità di regolazione e si lascia apprezzare per le sue feature intelligenti.

Ispirati dalla perfezione della natura.
Il FlexGrid del JOYCEIS3 è un vero e proprio richiamo visivo. Il suo straordinario design rispecchia l’anatomia umana.
L’innovativo supporto per la lordosi consta di due componenti di diversa durezza. Ciò garantisce un rapporto dal bilanciamento ideale tra stabilità e flessibilità.

Gioia tramite varietà di colori.

Oltre al suo aspetto flessibile ed alla sua dotazione tecnica straordinaria, JOYCEIS3 entusiasma in particolare per l’immensa gamma di colori a disposizione. Per l’innovativa variante dello schienale in rete – come anche per la versione Softback – sono disponibili nove affascinanti tonalità cromatiche.
Una novità assoluta è rappresentata dalla combinazione di schienale in rete e lavorazione a maglia per il sedile coordinata, grazie alla quale si ottiene una perfetta armonia di colori.
In alternativa, il rivestimento del sedile può essere scelto nella vasta gamma di tessuti e pelli della collezione Interstuhl.
Questo garantisce una libertà pressoché infinita.

Per scoprire di più contattaci!
049/8791870
info@ambienteufficio.it

Gamma Platner di Knoll

platner, knoll, ambiente ufficio
platner, knoll, ambiente ufficio

Knoll è un’azienda di design che produce articoli di arredamento per uffici e abitazioni.

Fondata nel 1938 a New York da Hans Knoll ad oggi è un marchio leader nel campo del disegno industriale a livello internazionale, che collabora con molti designer e architetti.

Molti prodotti della Knoll hanno fatto storia e per questo ora si possono vedere in vari musei come il Cooper-Hewitt National Design Museum e il MOMA.

Knoll si ispira allo stile della corrente artistica del Bauhaus, nata nel 1919 a Berlino, caratterizzata dall’innovazione nel campo del design e dell’architettura legati al razionalismo e al funzionalismo.

Warren Platner era un architetto e designer, laureato in architettura alla Cornell University nel 1941. Diventa famoso per la sua Gamma Platner presentata da Knoll.

Nata negli Anni 60 la Gamma Platner riflette il cambiamento dei valori culturali del periodo che rendono il modernismo più espressivo.

Questa collezione è caratterizzata da particolari tecniche di produzione, che creano forme uniche e armoniose.

Ogni sedia e tavolo richiede oltre un migliaio di saldature e più di cento cilindri d’acciaio per la sua originale struttura, che è disponibile in nichel lucido o vernice metallizzata bronzo.

I piani dei tavoli sono disponibili in legno, vetro trasparente e bronzo, marmo rivestito e naturale o granito naturale con un’ampia scelta di colori.

Sulla Gamma Platner è in corso un’iniziativa promozionale su tutta la collezione e in particolare sulle poltroncine.

tel. 049/8791870

Gamma tavoli Saarinen di Knoll

saarinen, knoll, ambiente ufficio
saarinen, knoll, ambiente ufficio

Knoll è un’azienda di design che produce articoli di arredamento per uffici e abitazioni.

Fondata nel 1938 a New York da Hans Knoll ad oggi è un marchio leader nel campo del disegno industriale a livello internazionale, che collabora con molti designer e architetti.

Molti prodotti della Knoll hanno fatto storia e per questo ora si possono vedere in vari musei come il Cooper-Hewitt National Design Museum e il MOMA.

Knoll si ispira allo stile della corrente artistica del Bauhaus, nata nel 1919 a Berlino, caratterizzata dall’innovazione nel campo del design e dell’architettura legati al razionalismo e al funzionalismo.

Eero Saarinen era un architetto e designer, figlio d’arte si diplomò a Yale nel 1934 e quindi si perfezionò presso il Cranbrook Institute of Architecture and Design, famoso per i suoi lavori di architettura si dedicò alla ricerca di nuove tecnologie nell’uso dei materiali e collaborò con Knoll per i design degli elementi d’arredamento.

Negli Anni 50 Saarinen aveva promesso di affrontare il “brutto, confuso, inquieto mondo” che notava sotto sedie e tavoli, rappresentato dalle loro gambe. Dopo un accurato studio e progetto nasce la sedia Tulip e la collezione Saarinen, caratterizzata dalla celebre forma a calice con un unico stelo centrale per basamento.

La Gamma Saarinen tuttora riflette l’impegno di KnollStudio verso un design intramontabile e duraturo, continuando l’eredità Knoll di produrre mobili secondo gli standard rigorosi del design moderno.

Per questo sulla Gamma tavoli Saarinen c’è un’iniziativa promozionale su i tavoli di qualsiasi forma, dimensione e finitura, caratterizzati dal piedistallo centrale.

Disponibile con il ripiano del tavolo con bordo smussato, in una vasta gamma di marmi, graniti, legni e laminati.

La base in alluminio pressofuso pesante è disponibile con vernice bianca, nera o platinata.

Scopri anche il nuovo marmo, il Portoro Silver, disponibile su tutta la gamma in finitura sia lucida che satinata.

Per scoprire di più contattaci!
tel. 049/8791870

E il montaggio?

Il montaggio è una parte importantissima del processo d’acquisto

Quando scegli i mobili per il tuo nuovo ufficio sembra che sia Natale: certamente sceglierai in modo funzionale ed essenziale, ma un occhio speciale lo dedicherai a quell’elemento di design che renderà unico il tuo luogo di lavoro, che caratterizzerà la reception o aiuterà i tuoi clienti a rilassarsi in sala d’aspetto.

La fase di progetto, accompagnata dai consigli esperti dei nostri agenti e dalle soluzioni proposte dall’ufficio tecnico è certamente la più emozionante: è facile infatti immaginare i colori, guardando le cartelle dei tessuti, mentre i disegni dei nostri interior designer fanno veramente spaziare la fantasia.

Dopo la scelta, un mesetto d’attesa e arriva finalmente l’agognato giorno del montaggio. Sembra una sciocchezza, ma è proprio in questo giorno che si decide tutto. I nostri tecnici del montaggio hanno la responsabilità di rendere reale quel mobile venduto dagli agenti e  disegnato dallo staff tecnico, come avevi sognato tu.

Ecco cosa ci scrivono i nostri clienti:

Dal telefono di una nostra agenteI tecnici del montaggio hanno sulle spalle il peso dell’immagine dell’azienda, perché saranno gli ultimi a vedere il volto del cliente, sperando in un sorriso di soddisfazione una volta terminato il lavoro.

I nostri tecnici del montaggio hanno la capacità di far risplendere quel sorriso e noi, con questo articolo vogliamo ringraziarli!

In fondo, se investi migliaia di Euro nel design perfetto di una parete di vetro, se scegli la scrivania più elegante e di design per stupire i tuoi clienti e la concorrenza, non sarebbe un po’ imbarazzante se alla fine fosse montato tutto male? Ecco perché noi abbiamo scelto collaboratori professionisti, assicurati, esperti e precisi, che non deludono le aspettative dei nostri clienti.

GRAZIE RAGAZZI!

Ecco per esempio alcune foto “di cantiere”, prese con telefono per testimoniare l’avanzamento lavori per la libreria Naos di Unifor  appesa a parete.

 

 

Smart working #1 – La postazione di lavoro

Ambiente ufficio postazione di lavoro

 

Dopo l’introduzione alla serie di articoli sullo Smart Working, continuiamo ad analizzare il nuovo layout dell’ufficio smart.

“Questa è la mia scrivania”, non funziona più!

La postazione di lavoro non è più di proprietà: mentre i devices sono sempre più personalizzati, la mobilità lavorativa all’interno della stessa azienda rende gli spazi sempre più condivisi, tanto che le postazioni smart danno la possibilità di riporre  la borsa del tablet o del laptop, dispongono di top acces per caricare tablet  o telefonino e wifi per una connessione totale senza fili.
Cambia anche la comunicazione fra i colleghi, che invece di parlarsi o telefonarsi, oggi parlano attraverso chat aziendali o addirittura attraverso skype.
Ecco come si evolvono gli arredi:

  • Non esiste più il tavolo di “proprietà”: si ottimizzano gli spazi e chi lavora fuori,
  • Superfici di lavoro ridotte: i computer hanno dimensioni sempre più contenute, ci sono meno documenti cartacei.
  • Spazio per borsa e piccoli oggetti: la cassettiera si trasforma, le ruote finalmente hanno un senso e come unico mobile “personale” viene spostata in giro per l’ufficio presso la postazione utilizzata in quel momento. Assume addirittura una morfologia differente rispetto alla classica forma a”cubo”.
  • In alternativa alla “cassettiera” gli armadietti diventano un ottimo spazio per riporre i propri oggetti personali.
  • Gli spazi sono open ed i mobili si abbassano per permettere la comunicazione visiva tra le persone.
  • Si cura in modo particolare l’ergonomia della seduta: ormai è risaputo che una buona seduta favorisce la salute del lavoratore, diminuendo i tempi di assenza per malattia.
  • Si cura anche il lavoro da casa, home working: se da un lato diminuiscono le postazioni in ufficio, aumenta la necessità di avere spazi lavorativi strutturati nell’ambito domestico.
  • Nell’ambito open, si usano sempre di più sistemi fonoassorbenti, soprattutto per i tavoli a bench, che permettono di mantenere una certa privacy, ma allo stesso tempo di poter comunicare rapidamente con il vicino.

Cambia completamente il modo di progettare l’ambiente: le necessità dei professionisti sono diverse, tanto che nell’ambito dell’ufficio stesso che una volta “subiva” una progettazione totalmente piatta ed uguale per tutti, oggi pretende un layout fortemente personalizzato ed adattato al target di clienti, al brand stesso, al marketing aziendale e chiaramente ai sistemi di lavoro utilizzati dai vari dipendenti, anch’essi fortemente differenziati.

Avremo modo di approfondire ulteriormente questi argomenti anche all’interno di eventi/tavole rotonde che organizzeremo all’interno dello showroom.

Il prossimo mese analizzeremo l’ufficio direzionale smart!

Anche la sedia vuole la sua parte

Foto di Salmaso Fotografo: sedie di Venezia Home Design, Design You Edit, BBB

Piccola guida su come scegliere la sedia perfetta per il nostro ufficio.

La sedia è forse l’oggetto più “disegnato” al mondo, non c’è designer che non abbia realizzato una sedia o una poltroncina: è importante per l’ergonomia e rappresentativa in quanto oggetto sempre particolare.

Ma come scegliere quella giusta?

Ogni seduta è diversa, non solo per il suo design, ma anche per il suo reale utilizzo, per questo abbiamo deciso di creare una piccola guida per scegliere la seduta più adatta alle nostre esigenze.

icf sedia operativa
Sedia Una Plus, ICF

  • Seduta operativa, molto tecnica perché si tratta del posto su cui si adagia il corpo per un grande numero di ore: è importante che sia in grado di adattarsi alla distribuzione del peso, all’inclinazione ottima della schiena e all’altezza della persona che deve poter appoggiare i piedi a terra. Nota bene: investire un po’ di più porta addirittura a un risparmio a lungo termine in quanto il lavoratore rischia meno problemi fisici legati alla posizione e di conseguenza meno assenze dal lavoro e più produttività.

sedia direzionale vaghi
Sedia Union di Vaghi

  • Seduta direzionale, ha anche una funzione di rappresentanza, di solito ha lo schienale più alto dell’operativa; la differenza riguarda l’utente che non impiega tutto il tempo di fronte al computer, ma assume posizioni diverse per colloqui o piccole riunioni con terze persone. Nota bene: sicuramente questa non verrà utilizzata per molte ore di seguito come quella operativa, ma dovrà proporzionare comunque lo stesso comfort.
  • Seduta ospite, da accostare ai tavoli direzionali può essere della stessa famiglia della seduta direzionale o come elemento di spicco nell’arredamento generale. Nota bene: si tratta di sedute che possono apparire come elementi particolari, poiché non usate in modo continuativo, via libera alla vision aziendale che può essere espressa anche da un piccolo mobile come la sedia!

arper sedia catifa
Sedie Catifa di Arper

  • Seduta per sala riunioni: anche questo tipo di sedia può essere considerata rappresentativa, se le riunioni avvengono spesso con esterni (clienti o fornitori) proprio per l’importanza della situazione. Queste devono essere comode, di facile spostamento (si usano spesso le ruote per non generare rumori, o piedini in feltro) e chiaramente in linea con il resto dell’arredamento. Nota Bene: è importante pensare a come si sente chi siederà attorno al tavolo: vogliamo che sia comodo e rilassato- riunioni finalizzate alla vendita? Ci interessa l’attenzione costante (riunioni operative)? O voglilamo che le persone non siano completamente comode (riunioni veloci)?

lapalma (2)
Sgabello alto LaPalma

  • Seduta per riunioni veloci Dicono che per essere efficaci, le riunioni non dovrebbero durare più di 45 minuti… non succede quasi mai! Oggi però si tende ad avere bisogno di piccoli meetings fra colleghi: un coordinamento rapido fra i partecipanti allo stesso progetto e la maniera più pratica per offrire loro un luogo veloce ma non troppo comodo è quella di utilizzare le sedute ed i tavoli alti: a volte non ci si siede nemmeno. Nota Bene: possono essere utilizzati anche per la sala caffè, che così assume una doppia funzione: relax e riunioni veloci.

aleaf sedia design you edit
Seduta Aleaf di Design you edit

  • Sala d’aspetto: Anche qui la domanda da porsi è: come vogliamo che si sentano i nostri clienti mentre sono seduti? Se l’attesa sarà lunga, consigliamo poltroncine, comode, ma se si tratta di soste brevi, possiamo optare per qualcosa più d’impatto, magari di design e puntare ad un layout maggiormente rappresentativo della nostra attività. Non dev’essere per forza una seduta tradizionale, possiamo osare cn qualcosa di suggestivo. Nota bene: in sala d’aspetto possiamo giocare anche sulla varietà, sempre nell’ottica di creare ambienti coerenti.

twiss design you edit
Twiss di Design you edit – Venezia home design

  • La sedia della sala conferenze: comoda, sicura, impilabile e con possibilità di aggancio alle altre o direttamente su barra per una postazione fissa. Oggi anche le sale conferenze sono utilizzate per diversi scopi, quindi avere la possibilità di impilare e riporre le sedie è sicuramente un aspetto da tenere presente. Nota bene: non sottovalutiamo la tavoletta rebaltabile: può tenere viva l’attenzione di chi ha così la possibilità di prendere appunti.

sedia vitra panton chair
Panton chair, Vitra

  • La sedia di design, nel vero senso del termine: avere un elemento d’arredo che oltre ad essere utile, rappresenta una forma d’arte o l’espressione di un periodo storico a noi caro, può essere una mossa molto intelligente: il pezzo è riconoscibile a molti, che magari non si ricordano il nome, ma sanno che di tratta di qualcosa di “speciale”, darà un tocco di personalità all’ambiente in cui è inserito e può essere motivo di un racconto, di una storia. Il jolly che può essere usato per la persona in più. Nota bene: scegliamo con cura l’elemento di design, ma facciamolo!

Ancora dubbi? Ci siamo sempre noi di Ambiente Ufficio, pronti per consigliare la sedia più giusta!

 

 

 

Passeggiando per il salone di milano #2

Il salone di Milano continua a stupirci

Dopo esserci lasciati trasportare dalla magia dell’installazione di Michele De Lucchi, La Passeggiata, ci lasciamo ispirare anche dai nostri partner, che ci hanno davvero stupito con le loro proposte innovative, curiose, classiche a volte, ma sempre con lo sguardo rivolto al futuro.

GALLOTTI E RADICE

Gallotti e radice salone2015

 

Con un ambiente caldo, dalle luci soffuse, l’uso sapiente dei metalli e del vetro è il protagonista assoluto delle proposte per il Salone 2015.

La combinazione di superfici e matalli diversi, il colore del vetro e l’artigianalità di alcuni modelli quanto mai unici nel loro genere.

Ci è piaciuta particolarmente la libreria Tortona, elegante, ma nello stesso tempo attualissima.

BBB e Design You edit

salone 2015 BBBRiunite sotto il marchio Venezia Home Design hanno spiccato per uno stand all’insegna del design d’autore, con prodotti firmati tra gli altri, da Gio Ponti, Jasper Morrison, Pier Giacomo e Achille Castiglioni…

MOLTENI

Segreto Molteni salone 2015

 

Il living fa da padrone nello stand di Molteni che ci propone sistemazione di salotti, con ampli sofà e armadi molto interessanti.

Ma siamo riusciti a scovare il prodotto office che ha vinto il premio EDDA per la categoria Furniture: una consolle dalla sezione triangolare che, apreta, si trasforma in scrittoio, con spazio per cavi e prese per la ricarica dei dispositivi mobili: un elemento di design elegante, che nasconde gradite sorprese.

C’è anche la possibilità di avere una striscia di LEd proprio sullo spigolo superiore, ottenendo così un angolo ancora più professionale.

Ci piace anche l’home office!

CACCARO

Caccaro salone 2015

Ci è piaciuta tantissimo la soluzione per l’home office, con scomparti segreti e tanto spazio nascosto, e a noi che adoriamo gli uffici ci è sembrata un’idea proprio interessante!

Il laccato solo per gli elementi verticali, veramente molto versatili e di impatto assicurato.

Ci è piaciuta l’idea di associare alla struttura moderna, elementi vintages come la macchina da scrivere e la seduta Panton chair, sempre attualissima!

UNIFOR

Libreria Cases Unifor Salone 2015

Quest’anno Unifor ci ha proprio stupito, non solo creando i gioiellini artigianali che sono stati esposti  nella PASSEGGIATA di Michele De Lucchi, ma anche presentando ufficialmente il sistema componibile Cases, disegnato da Jean Nouvel, che ha creato non poca curiosità anche da parte di chi, questo mobile, lo conosceva già. Ora, finalmente potrà essere configurata su misura e ordinata. Non parliamo poi delle nuove superfici in Forbo dei tavoli Less Less e della versione 3x3m del tavolo Naos!

ARPER

Arper Salone 2015

Non è da meno Arper, che dopo aver ricevutoi l premio per la seduta Kinesit, punta anche sui suoi pannelli fonoassorbenti altamente decorativi, con possibilità di configurazione per integrare apparecchi illuminanti e ironicamente, anche casse sonore… Ci è parso interessante l’allestimento office, dove sul lungo e professionale tavolo da riunione è stata installata la rete da ping pong, lasciando racchette e palline a libero uso dei visitatori… Lo smart working si inizia a vedere anche qui.

VITRA

Vitra novità salone 2015

Attraendo i visitatori con uno stand veramente originale ed un omaggio alla sua PANTON a base di miniature, Vitra ci presenta la sua nuova arrivata: comodissima e dalle linee semplici ma veramente accattivanti, disponibile in vari colori e finiture, è veramente comoda e non ci aspettavamo di meno.

MAGIS

Magis_Stark_salone2015

Attesissima la presentazione ufficiale del tavolo disegnato da Philippe Stark, preziosissimo per le nuove abitudini lavorative che vogliono l’ufficio flessibile, adatto a facili spostamenti. Con le sue ruote, elemento protagonosta anche dal punto di vista estetico, il tavolo Big Will permette di riconfigurare rapidamente lo spazio degli ambienti di lavoro, trasformando per esempio la sala riunioni in sala conferenze.

Questi sono i prodotti che ci hanno colpito di più, sicuramente nei prossimi mesi ci saranno anche altre novità degne di nota!

Salone del Mobile 2015: Guida all’uso per chi progetta uffici!

Miniguida per il salone del mobile 2015 Work place 3.0 by Ambiente Ufficio

Citazione di Einstein per Ambiente Ufficio crisi creativitàCome andremo al Salone del Mobile quest’anno? Certamente carichi di aspettative!

Gli ultimi movimenti del mercato portano molta positività nell’atteggiamento con cui affronteremo la fiera del mobile 2015.

E noi siamo sicuri che i nostri Partners hanno lavorato proprio con questa mentalità!

Si tratta dell’occasione per rilanciare il Made in Italy, ma anche per scoprire grandi designers stranieri e imparare da aziende che hanno fatto la storia o che, la storia, la vogliono fare adesso.

Ecco allora una piccola guida per trovare subito i nostri partners e non perdere nemmeno un metroquadrato de Padiglioni dedicati all’ufficio:

Workplace 3.0 Padiglioni 22/24

Se andiamo con l’intenzione di trovare novità sull’arredo da ufficio, possiamo passare a visitare gli stand organizzati dai nostri Partners, senza dimenticare l’attrazione principale per gli esperti in “office design”

Prendiamo quindi in mano la nostra planimetria: entrando dalla porta Ovest e guardando a sinistra troviamo subito il salone Satellite che ospita Workplace 3.0

HALL 24

HALL 22

  • UNIFOR HALL 22 | Stand D15 – E18
  • VAGHI HALL 22 | Stand E26 – E30
  • CAIMI HALL 22 | Stand B 29 C 20
  • SEDUS HALL 22 | Stand B 31 B 35
  • ARPER HALL 22 |Stand D 20 D 22
  • ICF HALL 22 |Stand C35 – D26

Proseguendo, sempre sul lato sinistro, troviamo il Padiglione 20, che ospita altri nostri partners

HALL 20

  • DE PADOVA HALL 20 |Stand E07 | F10
  • MAGIS HALL 20 | Stand C15 – D12
  • LAPALMA HALL 20 | Stand C 21
  • VITRA HALL 20, | Stand C 05/D 10
  • MOLTENI HALL 20 | Stand A01/B02/C02
  • ALIAS  HALL 20 | Stand B09 – C14

E infine, in zona centrale troviamo il padiglione numero 6 che si stanzia di fronte al 5

HALL 5 E 6

…E GLI EVENTI?

La-Passeggiata-Michele-De-Lucchi-Salone-del-Mobile-2015-workplace-3.0-wow-webmagazineCe ne saranno e tanti, tutti dedicati all’Office.

A cominciare dall’installazione “La Passeggiata” firmata da Michele De Lucchi, che ospiterà ricchi workshops dedicati al tema del layout degli ambienti lavorativi, openspace, design, nuove frontiere che si stanno facendo strada nell’ultimo periodo e che noi di Ambiente Ufficio siamo curiosissimi di conoscere.

In particolare segnaliamo:

  • Martedì 14 aprile ore 15.00 –
    Workshop “Qualità ambientale nel workplace”. A cura di: Assufficio
  • Mercoledì 15 aprile ore 11,00 – Conversazione sul ruolo dell’industrial design nella ripresa del settore Arredo per Ufficio. A cura di: Assufficio
  • Mercoledì 15 aprile, 15.00 – Andiamo! In marcia!
  • Giovedì 16 aprile, ore 11.00 – L’evoluzione del workplace. A cura di: IED Istituto Europeo di Design
  • Giovedì 16 aprile, ore 15.00 – Office design – oltre le postazioni di lavoro. A cura di: Scuola del design–Polidesign del Politecnico di Milano
  • Venerdì 17 aprile, ore 11.00 – Verso una “umanizzazione” degli spazi di lavoro
  • Venerdì 17 aprile, ore 15.00 – L’ufficio al cinema
  • Sabato 18 aprile, ore 15.00 – Extreme–open–space. A cura di: NABA

Il programma completo lo trovate qui.

Ci vediamo in Fiera!

Trovato tutto? Fateci sapere se vi sono piaciute le novità ed i trends e non esitate a chiederci informazioni : siamo pronti a consigliarvi sui vostri progetti speciali per i vostri nuovi uffici 3.0!

Il percorso dei sensi

Ambiente ufficio blog

Avete mai “guardato” il vostro ufficio pensando a un percorso dei sensi?

Tutto ciò che ci circonda viene percepito da uno o più dei nostri sensi; questa percezione continua influenza i nostri movimenti, il nostro comportamento, la reazione a qualsiasi stimolo.

Per questo è importante tener presente
ogni aspetto sensoriale
anche all’interno dell’ambiente lavorativo.

Oggi poi è facile, poiché abbiamo tutti gli strumenti ed i materiali per realizzare gli spazi più adatti a creare movimenti, circolazione, comunicazione, ma anche permanenze ottimali.

Lasciamoci guidare dai sensi.

VISTA

IKS (2)Il più ovvio dei nostri sensi, forse quello a cui prestiamo apparentemente più attenzione, ma lo facciamo anche entrando nel nostro ufficio? L’ordine, la coordinazione di forme, colori, materiali… sono dettagli che possono passare inosservati, ma in realtà la percezione di qualcosa fuori posto o non integrato nel contesto, provoca un leggero disagio.

Anche la luce ha un’importanza fondamentale, non solo per questioni normative (ogni postazione di lavoro deve ricevere almeno 500 lux, su superfici non riflettenti).

Guardiamoci intorno: dipendenti e clienti che entrano nella nostra azienda che impressione visiva possono avere? Quando entriamo in un ambiente gradevole, bello, curato in forme, colori, proporzioni, non ci sentiamo subito meglio? Perché non fare in modo che anche clienti e dipendenti abbiano questa bella sensazione?

UDITO

IMG_1635_1 (2)Anche qui entriamo in questioni tecniche: l’assorbimento e l’isolamento acustico formano parte dei problemi da risolvere durante il progetto di un ufficio: non sempre l’ambiente è adatto ad ospitare un open space, soprattutto se gli uffici sono commerciali e le telefonate o riunioni sporadiche sono frequenti, dobbiamo assolutamente considerare l’uso di materiali o di soluzioni apposite che favoriscano l’assorbimento acustico. Ecco de i pannelli colorati sul soffitto proporzioneranno non solo l’adeguata protezione acustica, ma anche una soluzione estetica originale.

Un’alternativa? Iniziano a vedersi sempre più spesso postazioni telefoniche: uno spazio appositamente creato in modo da fornire una certa privacy visiva ed uditiva a chi lo usa. Fisso o mobile sta diventando un elemento imprescindibile!

Non parliamo poi dei piccoli spazi riunioni: postazioni con piani di lavoro protette da schermi acustici, ma attrezzate per i vari devices.

OLFATTO

Sembra banale, ma spesso si trascura la qualità dell’aria, ma chi entra in un luogo chiuso può sentire disagio per odori o poco ricambio. certi tipi di piante non solo sono gradevoli alla vista, ma purificano l’aria degli ambienti in cui si soggiorna molte ore. …e non hanno bisogno di cure particolari, qui potrete trovare qualche esempio.

GUSTO

Viene subito in mente il caffè, ormai d’obbligo in tutti gli ambienti di lavoro. Ma le caramelle ormai non si trovano più solamente negli studi dentistici… un tocco di colore e di buon sapore cambiano completamente l’atmosfera e l’umore di chi ne prova uno…

Si tratta poi di un gesto di gentilezza nei confronti di chi entra, come se l’ufficio fosse casa nostra e chi arriva viene decisamente accolto.

TATTO

Ambiente ufficio blogSempre lasciato per ultimo il senso del tatto è invece proprio sottovalutato, se lo “ascoltassimo” un po’ di più capiremmo perché la cura dei materiali fa la differenza, la superficie da accarezzare del tavolo riunione può trasmettere calma durante un incontro molto formale, la pelle morbida delle sedute invita la persona ad accomodarsi, ma soprattutto la seduta ergonomica permetta una posizione corretta e movimenti naturali anche durante le ore di lavoro (e qui oltre al tatto ci mettiamo il senso della propriocezione (la capacità di percepire e riconoscere la posizione del proprio corpo nello spazio e lo stato di contrazione dei propri muscoli).

CONCLUSIONI

L’ambiente che ci circonda e che sentiamo tutti i giorni per molte ore ci comunica qualcosa, facciamo in modo che ci comunichi solo cose belle! La mission della nostra impresa, il benessere dei nostri impiegati, la serenità dell’atmosfera lavorativa…