Di che cosa hai bisogno per proteggerti dai virus?

I purificatori d’aria AeraMax Professional, grazie ad un sistema complesso di filtri, sono in grado di eliminare dall’aria di un ambiente chiuso fino al 99,97% di tutte le sostanze inquinanti e pericolose.

AeramaxPro veicola l’aria presente in un ambiente tramite una ventola interna facendola passare attraverso una serie di stadi filtranti e uno ionizzatore.

In particolare l’aria passa anche attraverso un filtro HEPA VERO ad altissime prestazioni che cattura tutte le particelle di diametro superiore ai 0,3 micron intrappolando, oltre agli allergeni, polveri sottili e quant’altro, anche virus e batteri che hanno dimensione superiori a questo diametro.

Gli Aeramax Pro sono adatti per ambienti di grandi dimensioni perché i singoli prodotti gestiscono aree di 65,00 o 130,00 mq a seconda del prodotto

Utili anche contro l’influenza H1N1

Per dare un’idea dell’efficienza dei purificatori AeramaxPRO qui sotto trovate i risultati di un test fatto da una società indipendente sull’influenza A(H1N1), ovvero l’influenza suina che qualche anno fa aveva messo in allerta anche l’OMS; dopo solo 35 minuti la presenza del virus passa a zero.

Contattaci per un preventivo 049/8791870info@ambienteufficio.it

Siediti meglio, lavora meglio

Una guida alla seduta ergonomica

Anche l’ergonomia ogni tanto va ripassata (e aggiornata).

Approfittiamo quindi di una serie di interessanti articoli di Vitra su come sedersi meglio per lavorare meglio, che vi riproponiamo tradotti in italiano, qui di seguito.

Sit Better, Work Better – a Guide to Ergonomic Seating

Ancor prima di dover rimanere in massa a casa, molti trascorrevano gran parte della vita lavorativa in luoghi diversi dai nostri uffici.

Lavorare da casa ti potrebbe sembrare meno statico, ma, senza il pendolarismo quotidiano o la ‘gita’ all’ora di pranzo, potresti trovarti a rimanere seduto in un posto più a lungo di prima e, come è risaputo, stare fermi per molto tempo è un grave rischio per la salute.

È essenziale quindi trovare la sedia operativa giusta, che promuova la posizione di seduta dinamica ottimale.

Imposta il tuo sedile e tavolo alla giusta altezza

Se la scrivania è ad un’altezza fissa, siediti normalmente sulla sedia e controlla che la parte superiore delle braccia possa pendere liberamente e che gli avambracci siano in grado di formare una linea orizzontale con la tastiera.

La parte superiore delle braccia e gli avambracci devono avere un angolo di 90 ° o più.

Organizzati in modo di avere uno spazio operativo dinamico

Una posizione seduta dinamica è obbligatoria.

Proteggi la schiena con frequenti cambiamenti nella postura seduta e alzandoti a intervalli regolari.

Continuare a muoversi è la strada per una buona salute.

Siediti per occupare l’intero sedile.

Lascia che la colonna vertebrale sia completamente supportata e sfrutta appieno gli schienali regolabili.

Continua a muoverti e cambia posizione durante il giorno

Mantieni la salute alzandoti e spostandoti a intervalli regolari.

Se hai una scrivania regolabile in altezza, lavora in piedi per una parte della giornata; in caso contrario, alzati mentre leggi i documenti e misura a grandi passi la stanza quando fai le chiamate.

Stare seduti per lunghi periodi di tempo mette a dura prova la schiena e la colonna vertebrale, il che può causare problemi alla schiena e un notevole disagio a lungo termine.

Nella scelta della sedia giusta, devi considerare non solo il tuo fisico, ma anche i tipi di lavoro che ti ritrovi a svolgere durante il giorno:

Partecipi a riunioni online guardando lo schermo o hai le mani sulla tastiera, sul mouse o sullo stilo?

C’è una sedia operativa giusta per ogni persona e per ogni lavoro.

Nota: Aggiungo che scegliere una sedia operativa è come scegliere un materasso. Saremo seduti su quell’oggetto molte più ore di quando saremo distesi a letto (purtroppo!) e spenderemo molto di più per il computer e il software che per la sedia.

Venite a provare quella che più si adatta alla vostra vita o a quella dei vostri dipendenti nel nostro showroom.

La vostra schiena vi ringrazierà

L’ufficio a casa tua: Touch Down Unit by UniFor

Un nuovo spazio di lavoro

Smart-working, nuove tecnologie, globalizzazione e una cultura del lavoro always-on hanno profondamente cambiato la natura dello spazio di lavoro a cui eravamo abituati. Gli eventi che stiamo vivendo in prima persona hanno modificato in poche settimane il nostro stile di vita e il modo di lavorare, di comunicare e persino di vivere la nostra abitazione. Stiamo scoprendo che lavorare da casa ha un grande impatto sulla nostra produttività e che l’ambiente che siamo in grado di ricreare contribuisce significativamente alla nostra esperienza lavorativa.

L’ufficio a casa tua: la soluzione

Touch Down Unit, con il suo design ricercato ed i suoi accessori funzionali, porta il tuo ufficio a casa.
TDU è facilmente trasportabile ed ha una serie di modalità di utilizzo che permettono di lavorare seduti, su una poltrona, una sedia o persino uno sgabello, oppure in piedi. Può essere utilizzato per lavorare da laptop e per ricaricare i dispositivi elettronici.

TDU ha una forma semplice e compatta: un piano di lavoro rettangolare sovrapposto a un volume chiuso e composto che, in modalità di utilizzo, si apre articolandosi in due contenitori attrezzati con diversi elementi di complemento e supporto alla postazione. Con il suo design essenziale, TDU si inserisce facilmente in ogni contesto d’arredo e le dimensioni contenute permettono di occupare pochissimo spazio.

Touch Down Unit: la nuova esperienza di lavoro da casa.

L’ufficio al tempo del Corona Virus: 6 passi per la sicurezza


“Abbiamo iniziato il progetto The 6 feet office con l’ambizione di rendere il mondo più sicuro e di tornare prima al lavoro. Crediamo che un posto di lavoro sicuro e salubre sia al centro di ciò che sarà il business nel futuro

Jeroen Lokerse, responsabile Cushman & Wakefield nei Paesi Bassi.

Il concept di 6 feet office è composto da sei elementi:

Primo: un’analisi concisa ma approfondita dell’attuale ambiente di lavoro nell’ottica di implementare ogni possibile miglioria per contrastare la diffusione del virus;

Secondo: un insieme di accordi e regole di condotta semplici e chiare che mettono al primo posto la sicurezza di tutti (vedi sotto);

Terzo: un sistema di segnalazione visivo di percorso unico per ogni ufficio, che rende i flussi di traffico completamente sicuri;

Quarto: un luogo di lavoro adattato e completamente attrezzato in cui l’utente può lavorare in sicurezza;

Quinto: un dipendente addestrato che fornisca consulenza e garantisca operativamente un ambiente della struttura perfettamente funzionante e sicuro;

Sesto: un certificato che attesti che sono state prese misure per implementare un ambiente di lavoro sicuro dai virus.

Tratto da:
The 6 feet office Project (cushmanwakefield.com)

Forse ti interessa anche:

L’ufficio al tempo del Corona Virus: regole di sicurezza

Regole di condotta per mantenere la sicurezza in ufficio, Cushman & Wakefield ne individua 6:

1 Vivere il luogo di lavoro con serenità, ma agire sempre in modo responsabile;

2 Attenersi alle regole e seguire le indicazioni;

3 Stare a 6 piedi di distanza (182 cm circa) l’uno dall’altro;

4 Camminare per l’ufficio in senso orario, sempre e ovunque;

5 Entrare e uscire dalla sala riunioni come indicato;

6 Sostituire il proprio tappetino da scrivania quotidianamente e lasciare una scrivania pulita.

Un video mostra con maggiore chiarezza cosa prevede il progetto The 6 feet office (tratto dall’account Facebook di Cushman & Wakefield)

LvB Acoustic alla fiera HOST di Milano

LvB acoustics parteciperà il prossimo 18/22 Ottobre alla fiera HOSTMilano: la fiera leader mondiale dedicata al mondo della ristorazione e dell’accoglienza.
Un punto di riferimento per gli operatori professionali del fuori casa e marketplace privilegiato per fare business di qualità.

I prodotti LvB Acoustics saranno integrati nel progetto  FUTURBAR-REvolution curato dallo studio Mussapi, promossa da Comufficio e organizzata da DA.RI

Ambiente Ufficio è ora convenzionata con Intesa Sanpaolo Forvalue ed Euroconsult Rental Division per il noleggio a lungo termine

Il noleggio operativo è un servizio offerto a tutti i possessori di partita iva che hanno la necessità di utilizzare dei beni strumentali alla propria attività senza necessariamente doverli acquistare.

Noleggio beni strumentali

Il contratto di Noleggio Operativo consente di semplificare le incombenze legate all’acquisizione di beni e servizi da parte di coloro che non possono o non vogliono privarsi di liquidità per disporre della tecnologia necessaria per la propria attività.

Se utilizzata nel modo corretto, questa formula consente di rendere l’innovazione più sostenibile e raggiungibile. Rimanere al passo con i tempi è fondamentale per qualsiasi attività e lo è in particolare per quelle tecnologie che, evolvendosi rapidamente, accorciano il ciclo di vita dei prodotti. Rimanere indietro penalizza l’azienda sia in termini di know-how sia di fatturato.

Per chi intende utilizzare un bene per la propria attività, senza doverlo acquistare:

  • nel noleggio operativo è prevista una completa deducibilità dei canoni di locazione e le rate non impattano sull’IRAP, migliorando il cash flow;
  • è possibile disporre di beni che per le loro caratteristiche non possono essere oggetto di leasing;
  • l’azienda ottiene una pianificazione dei costi certa, per tutta la durata del contratto, tramite il pagamento di un canone fisso, all inclusive e non indicizzato;
  • con il noleggio dei beni strumentali viene meno la necessità di includere gli stessi nel libro cespiti e negli asset patrimoniali dell’azienda;
  • i beni strumentali e le attrezzature utilizzati grazie al noleggio non impattano sugli studi di settore ed in questo modo l’azienda potrà gestire il suo aggiornamento tecnologico in modo più snello.

Quali sono inoltre i benefici per chi, convenzionandosi con Simple Rent, fornisce i beni oggetto del noleggio?

  • utilizzare una leva commerciale in più, con la concreta opportunità di incrementare le vendite. Grazie al noleggio operativo è possibile offrire una rateizzazione dei pagamenti nel tempo, già inclusa di tutto ciò che può riguardare l’uso di quel bene specifico, come gli accessori, i consumabili e le attività di assistenza previsti per il periodo di noleggio, oltre al software o altri complementi utili al funzionamento del bene stesso;
  • con il noleggio operativo è possibile migliorare notevolmente gli incassi, poiché la fornitura viene fatturata al locatore, ed il pagamento di quanto dovuto per la merce consegnata al cliente avviene dopo pochi giorni dalla consegna
  • vendere i propri beni e servizi attraverso il noleggio operativo, consente di ridurre la voce dei crediti verso clienti, migliorando il proprio rating bancario;
  • Il noleggio operativo fidelizza il cliente, generando una relazione di lungo periodo, con un rapporto duraturo tra cliente e fornitore pre regolato per gli aspetti economici e di assistenza;

scopri di più

Smart working #6 – L’ home office

Ambiente ufficio home office

Quando si parla di smart working ci si riferisce soprattutto alla flessibilità di orari, ai nuovi sistemi di comunicazione e di archiviazione dati che permettono un diverso movimento in ufficio, si parla di libertà per il singolo lavoratore, di gestire il proprio tempo e decidere come e quando lavorare in ufficio.

Le problematiche da risolvere sono molte: come regolarizzare la relazione fra dipendente e azienda con queste nuove variabili? Cambiano i rapporti, cambia il metodo di comunicazione, cambia la fiducia che i dirigenti devono donare ad ogni lavoratore, cambia anche la responsabilità del lavoratore nei confronti dell’azienda.

Cosa c’entra Ambiente Ufficio in tutto questo?

Noi ci stiamo impegnando per capire come cambiano gli spazi di lavoro in questo senso, ma anche come queste nuove realtà possano funzionare meglio anche considerando che non solo cambiano i rapporti di lavoro, ma anche gli strumenti, i volumi di carta usati, le dimensioni e forme dei devices, ma nello stesso tempo aumentano le esigenze di benessere all’interno degli ambienti, benessere che si esprime attraverso n’illuminazione corretta, una seduta ergonomica, un layout che permetta circolazione flessibile ed elementi visivi che caratterizzino l’azienda rafforzando un’identità d’impresa nella quale anche i lavoratori possano riconoscersi.

Ma Smart Working significa anche lavorare da casa, per questo vogliamo approfondire anche questo argomento, perché di persone che a casa ci stanno molte ore ce ne sono ogni giorno di più, sia a causa dell’evoluzione smart del lavoro, sia a causa delle nuove professioni che non hanno più bisogno di un ambiente lavorativo esterno alla dimora abituale.

 

Come organizzare allora spazi SMART? 

Non ci troviamo più di fronte ad ambienti rappresentativi dell’azienda, ma di un “angolo” creato e sistemato ad hoc per svolgere il lavoro nel modo più comodo e svelto possibile.

Si tratta di creare all’interno degli spazi domestici un’area che permetta un’adeguata concentrazione, che sia ben illuminata, ben collegata elettricamente, acusticamente confortevole, con i dispositivi tecnici a portata di mano, con un piccolo spazio di archiviazione e con un elemento o un insieme di elementi che lo rendano “altro” rispetto al resto della casa.

Non vanno dimenticati accorgimenti legati alla climatizzazione e alla ergonomia. Se il primo aspetto solitamente viene demandato in fase progettuale a tecnici competenti, sul secondo possiamo dire la nostra.

La postura che si assume al lavoro dev’essere comoda e rispondere ad alcune regole che saranno oggetto di altro post.

Lo spazio SMART riflette la capacità di generare lavoro SMART.

Smart working #5: la sala d’attesa

Ambiente ufficio sala attesa

Ambiente ufficio sala attesa

Anche qui la domanda da porsi è: come vogliamo che si sentano i nostri clienti mentre sono seduti? Se l’attesa sarà lunga, consigliamo poltroncine, comode, ma se si tratta di soste brevi, possiamo optare per qualcosa più d’impatto, magari di design e puntare ad un layout maggiormente rappresentativo della nostra attività. Non dev’essere per forza una seduta tradizionale, possiamo osare cn qualcosa di suggestivo. 

Nota bene: in sala d’aspetto possiamo giocare anche sulla varietà, sempre nell’ottica di creare ambienti coerenti.

Smart Working #4 – La zona relax

Ambiente ufficio zona relaxCom’è la zona relax del vostro ufficio? Spesso bistrattata e allestita alla meglio in spazi di risulta, con mobili riciclati, assume oggi un’importanza fondamentale, tanto che spesso è usata come piccola zala riunioni.
Lo spazio in cui lo stress è lasciato da parte per 5 minuti è anche il luogo in cui scambiare due parole con i colleghi e magare fare quattro risate… Cattive abitudini?
Niente affatto!
Proprio in questi momenti la mente si apre a soluzioni fuori dagli schemi imposti, ci si confronta su piccoli problemi e studi dicono che le idee geniali nascono da questi luoghi!
Allora perchè non approfittarne? ecco che la tendenza porta ad allestire ambienti di vero relax,magari con il calcetto o cibìn poltroncine particolarmente comode o divertenti, ecco la parete su cui scarabocchiare idee appena abbozzate e un tavolo da riunione high desk, per meetings improvvisati.
La sala caffè è viva ed assolutamente non è una perdita di tempo! Da zona relax diventa operativa a tutti gli effetti!