Guida per l’adeguamento dei layout degli ambienti ufficio alle esigenze di distanziamento sociale del periodo post Covid-19

Federlegno arredo ha messo a disposizione una pratica e utile Guida per l’adeguamento dei layout degli ambienti ufficio alle esigenze di distanziamento sociale del periodo post Covid-19.

Il documento è stato elaborato dalla Commissione Tecnica di Assufficio, con la collaborazione di professionisti esterni impegnati nella progettazione di spazi ufficio e nel loro adeguamento in condizioni post-pandemiche.

Questo documento integra le prescrizioni della norma UNI 11534:2014, sulla disposizione
dei mobili per ufficio, con considerazioni e suggerimenti che tengono in conto, oltre agli aspetti di carattere ergonomico già oggetto della UNI 11534, anche delle esigenze di distanziamento sociale imposte dalla diffusione della pandemia Covid-19.

Il documento propone pertanto degli esempi di come gli arredi che compongono le postazioni di lavoro e alcuni ambienti accessori di un ufficio possano essere distribuiti
in pianta e organizzati in modo da favorire il mantenimento della distanza di almeno un metro tra le persone, misura indicata dalle disposizioni legislative in vigore come la minima idonea a limitare la circolazione del virus.

NOTE:

Le misure indicate in questo documento dovrebbero essere adottate a seguito di
una analisi volta ad evitare la presenza di fonti di rischio e una volta valutata la
possibilità di ricorrere agli strumenti alternativi di distanziamento indicati dalla
regolamentazione in vigore, quali ad esempio lo smart working o la turnazione dei
lavoratori. Solo qualora sussistano effettive esigenze non superabili è consigliabile
ricorrere alle misure indicate nel seguito.
Associato

Si ringraziano in particolare:

  • Francesco Bazzan, MECO Office;
  • Giorgio Caimi, Caimi Brevetti;
  • Luigi Angelo Glorini, Centrufficio Loreto
  • Paola Martorana, architetto;
  • Marco Morone – Tecnico della Prevenzione –
  • ATS MILANO Città Metropolitana – UOC PSAL MILANO
  • Silvio Rispo, Aran;
  • Gianluigi Sacchetti, Frezza;
  • Ettore Schioppa, Unifor;
  • Maria Vittoria Zanoni, architetto.