Il feng shui in ufficio

Credits: Brian Jeffery Beggerly under CC (modified photo)

Chi non ha mai sentito parlare di Feng Shui? Ormai quest’arte millenaria cinese è diventata parte integrante del parlare comune, non senza superficialità.

L’obiettivo principale del Feng Shui è creare ambienti favorevoli al benessere delle persone che vi abitano, nel rispetto dell’ambiente naturale.

Michela Martini di Spazi Fluidi

Proprio Michela Martini ci ha accompagnato nell’incontro, che abbiamo organizzato all’interno del corso Smart Working presso l’Ordine degli Architetti di Padova (qui un’altro articolo sul corso!).

Durante l’interessantissima lezione tenuta da Michela abbiamo scoperto che i principi del Feng Shui si possono applicare anche all’interno dell’ambiente di lavoro.

Ci siamo mai chiesti perché non ci sentiamo bene in un certo luogo? Michela ci ha posto delle domande, riporto quelle più interessanti:

  • È bello il tuo ufficio? Ti piace entrarvi e rimanerci a lavorare ogni giorno?
  • Il tuo ufficio favorisce la concentrazione?
  • L’ambiente in cui lavori riflette l’immagine della somma di denaro che vuoi guadagnare ogni mese o anno?

Se non ci siamo mai interrogati su questo, potremmo anche cominciare ora, e magari seguire le indicazioni di una professionista come Michela inserendo i materiali giusti al posto giusto, quelli che ci fanno stare bene e che ci aiutano a produrre di più.

Oggi la scelta dei materiali è facilitata non solo dalla sempre crescente esperienza e specializzazione di chi lavora nel settore, ma anche dall’enorme scelta offerta dai produttori.

Qui di seguito lasciamo un assaggino degli spunti che ha lanciato Michela. In poche ore non è possibile trasmettere tutta la filosofia e le tecniche del Feng Shui, ma possiamo dire che ci ha veramente stuzzicato e incuriosito, lasciandoci tanta voglia di approfondire l’argomento!

Salone del mobile di Milano 2016

Come ogni anno il Salone del Mobile di Milano porta l’attenzione di tutto il mondo del design e del mobile su un’unica città, che diventa luogo di incontro, di scambio, di ispirazione e soprattutto di esposizione delle novità relative al panorama dell’arredamento.

Mentre l’anno scorso ci siamo concentrati sull’ufficio e sull’illuminazione, questa volta la casa sarà la grande protagonista, con Euro Cucine e lo speciale Bagno. Anche noi quest’anno ci concentriamo un po’ di più sulla casa: i nostri partners non trattano solo gli ambienti degli uffici, ma anche spazi domestici.

Tutti al salone del mobile di Milano 2016!

Come ogni anno vi raccontiamo come girare il Salone secondo i nostri gusti: i nostri partners saranno presenti con le loro proposte e noi non ce le vogliamo perdere!

Hall 05, 06 e 07

Hall 16

  • ARPER – HALL 16 – STAND C 29 D 30
  • CAIMI – HALL 16 – STAND E 31
  • MOROSO – HALL 16 – STAND A 29 B 22
  • SEGIS – HALL 16 – STAND E 35

Hall 20

  • MAGIS – HALL 20 – STAND C 15 D 12
  • DE PADOVA – HALL 20 – STAND C 09 D 10
  • DRIADE – HALL 20 – STAND E 05 F 08
  • ALIAS – HALL 20 – STAND B 09 C 14
  • LAPALMA – HALL 20 – STAND C 21
  • MOLTENI – HALL 20 – STAND A 01 B 02 C 02
  • VITRA – HALL 20 – STAND C 01 D 02
  • CASSINA – HALL 20 – STAND D 01 E 01 E 06 F 06
  • KNOLL – HALL 20 – STAND C 05 D 04

E se avanza tempo?

1_largeSi può sempre visitare l’esposizione STANZE. Altre filosofie dell’abitare, alla Triennale di Milano, interpretazioni del luogo per eccellenza da parte di designers contemporanei, che si sono realmente sbizzarriti con un risultato che invita alla riflessione. Ogni architetto d’interni ha espresso il proprio concetto di stanza sulla base di un’opera letteraria o filosofica. Noi che siamo sempre alla ricerca di soluzioni smart per l’ufficio, che facilitino il lavoro e rispecchino il nuovo panorama professionale, apprezziamo la ricerca svolta sugli ambienti domestici e l’interpretazione data ad ambienti che rispecchiano il futuro.

Le stanze sono camere del cuore, […] Tenendo presente questo aspetto, abbiamo scelto per ogni stanza progettata, che è un po’ il suggerimento di un locale per il futuro, dei libri che aprono finestre al cuore e al cervello.

Ferruccio M. Cataluccio

Ci piace proprio, perché il tema è ripreso da un’altra esposizione svoltasi negli anni ’80 sul tema “Il Progetto Domestico” ed è fitto il dialogo che intercorre fra i libri che affiancano ogni progetto ed i progettisti stessi, coinvolti sia concettualmente che stilisticamente.

Smart Working: non solo design, il cambiamento.

Smart working, il cambiamento

In Ambiente Ufficio abbiamo molto a cuore i temi riguardanti lo Smart Working: crediamo sia un concetto che andrà a caratterizzare i modi di lavorare del futuro. I vecchi paletti che abbiamo assimilato negli anni sono ormai obsoleti. Gli orari e i luoghi di lavoro, sempre più vari, le relazioni in ufficio, che stanno diventando sempre più importanti, e il respiro internazionale che sta assumendo il business necessitano di un paradigma che codifichi questi cambiamenti. Chi vuole cambiare adotta lo Smart Working!

A tal proposito, in questi giorni si sta svolgendo presso l’Ordine degli Architetti, P.P. e C. di Padova il corso che abbiamo proposto e che affronta lo Smart Working, presentandolo agli architetti in modo che il tema possa essere affrontato non solo dal punto di vista architettonico, ma anche dal punto di vista umano.

Si parla del cambiamento delle forme, dei tempi e dei rapporti di lavoro, delle aziende e di come vengono utilizzati i nuovi mezzi a disposizione per svolgere le nostre attività professionali:

li stiamo davvero sfruttando al meglio?

Il primo incontro trattava proprio di questo:

Smart Working e cambiamento.

Ce ne hanno parlato Nadia Ferraresi e Filippo Dal Fiore, che hanno affrontato lo Smart Working dal punto di vista sociale. Attraverso un excursus storico è stata analizzata in primis l’evoluzione dei rapporti lavorativi degli ultimi 20 anni, per poi passare all’idea che riuscire a trovare il proprio equilibrio casa-lavoro porti ad una serenità possibile, ma che ancora pochi hanno raggiunto.

Vi proponiamo qui di seguito alcune slides degli interessantissimi interventi a cui abbiamo assistito.

Ricerche condotte dalla Software Company Intuit e MBO Partners

CER-STILE – Italian Style Concept

Ambiente ufficio a Cerstile con LvB

Quest’anno al Cersaie ci siamo anche noi, saremo parte di CER-STILE, un’installazione/esposizione curata da Angelo Dall’Aglio e Davide Vercelli, che attraverso la ricreazione di un viaggio nel territorio italiano, rappresenterà un percoso di ambienti emozionali, contesti insoliti luoghi di intercambio.

Cerstile

Tre tappe attraverso un tunnel spaziotemporale ci porteranno tra mare e montagna, in una serie di spazi reinventati. Un viaggio surreale, attraverso ambienti veri, concreti, arredati e decorati esclusivamente con prodotti di aziende italiane eclettiche ed eterogenee, in un intreccio fra settori che comunicano così fra di loro e con i professionisti del settore.

Tutto questo in un’ottica nuova:

…è cambiata in modo radicale la figura del compratore, non più solo specializzato nell’acquisto di un singolo prodotto, ma un professionista interessato alla visione globale del progetto.

 (dal Comunicato stampa)

Cosa ci fa Ambiente Ufficio a CER-STILE?

Per anni ci siamo occupati di arredare i vostri uffici, con una grande attenzione all’estetica, alla durabilità, ma soprattutto alla funzionalità degli ambienti da noi creati in collaborazione con architetti e tecnici del settore.

Grazie a tutte le esperienze avute ed all’analisi dei risultati ci siamo accorti dell’esigenza di un prodotto che soddisi le esigenze di acustica, ma che sia nuovo, nella forma, nell’utilizzo, nella flessibilità. Abbiamo così deciso di produrlo.

Nasce LvB (Ludwig van Beethoven)

La nuova serie di pannelli fonoassorbenti che svolgono la funzione di assorbimento acustico e di elementi decorativi all’interno degli ambienti: appesi alle pareti o ai soffitti, come pannello protettivo per le scrivanie o come elemento divisorio autoportante per gli ambienti più ampli, capace di creare spazi nuovi e situazioni dinamiche di privacy e comunicazione.

Ambiente ufficio a Cerstile con LvB

Se abbiamo stuzzicato la vostra curiosità venite a trovarci dal 28 Settembre al 2 Ottobre al Cer-Stile, padiglione 30, conoscerete LvB e se volete saperne ancora di più, ne parleremo presto in modo più approfondito: a breve sarà online la pagina web dedicata!

copyright di Saverio Lombardi Vallauri
copyright di Saverio Lombardi Vallauri

 

 

Passeggiando per il salone di milano #2

Il salone di Milano continua a stupirci

Dopo esserci lasciati trasportare dalla magia dell’installazione di Michele De Lucchi, La Passeggiata, ci lasciamo ispirare anche dai nostri partner, che ci hanno davvero stupito con le loro proposte innovative, curiose, classiche a volte, ma sempre con lo sguardo rivolto al futuro.

GALLOTTI E RADICE

Gallotti e radice salone2015

 

Con un ambiente caldo, dalle luci soffuse, l’uso sapiente dei metalli e del vetro è il protagonista assoluto delle proposte per il Salone 2015.

La combinazione di superfici e matalli diversi, il colore del vetro e l’artigianalità di alcuni modelli quanto mai unici nel loro genere.

Ci è piaciuta particolarmente la libreria Tortona, elegante, ma nello stesso tempo attualissima.

BBB e Design You edit

salone 2015 BBBRiunite sotto il marchio Venezia Home Design hanno spiccato per uno stand all’insegna del design d’autore, con prodotti firmati tra gli altri, da Gio Ponti, Jasper Morrison, Pier Giacomo e Achille Castiglioni…

MOLTENI

Segreto Molteni salone 2015

 

Il living fa da padrone nello stand di Molteni che ci propone sistemazione di salotti, con ampli sofà e armadi molto interessanti.

Ma siamo riusciti a scovare il prodotto office che ha vinto il premio EDDA per la categoria Furniture: una consolle dalla sezione triangolare che, apreta, si trasforma in scrittoio, con spazio per cavi e prese per la ricarica dei dispositivi mobili: un elemento di design elegante, che nasconde gradite sorprese.

C’è anche la possibilità di avere una striscia di LEd proprio sullo spigolo superiore, ottenendo così un angolo ancora più professionale.

Ci piace anche l’home office!

CACCARO

Caccaro salone 2015

Ci è piaciuta tantissimo la soluzione per l’home office, con scomparti segreti e tanto spazio nascosto, e a noi che adoriamo gli uffici ci è sembrata un’idea proprio interessante!

Il laccato solo per gli elementi verticali, veramente molto versatili e di impatto assicurato.

Ci è piaciuta l’idea di associare alla struttura moderna, elementi vintages come la macchina da scrivere e la seduta Panton chair, sempre attualissima!

UNIFOR

Libreria Cases Unifor Salone 2015

Quest’anno Unifor ci ha proprio stupito, non solo creando i gioiellini artigianali che sono stati esposti  nella PASSEGGIATA di Michele De Lucchi, ma anche presentando ufficialmente il sistema componibile Cases, disegnato da Jean Nouvel, che ha creato non poca curiosità anche da parte di chi, questo mobile, lo conosceva già. Ora, finalmente potrà essere configurata su misura e ordinata. Non parliamo poi delle nuove superfici in Forbo dei tavoli Less Less e della versione 3x3m del tavolo Naos!

ARPER

Arper Salone 2015

Non è da meno Arper, che dopo aver ricevutoi l premio per la seduta Kinesit, punta anche sui suoi pannelli fonoassorbenti altamente decorativi, con possibilità di configurazione per integrare apparecchi illuminanti e ironicamente, anche casse sonore… Ci è parso interessante l’allestimento office, dove sul lungo e professionale tavolo da riunione è stata installata la rete da ping pong, lasciando racchette e palline a libero uso dei visitatori… Lo smart working si inizia a vedere anche qui.

VITRA

Vitra novità salone 2015

Attraendo i visitatori con uno stand veramente originale ed un omaggio alla sua PANTON a base di miniature, Vitra ci presenta la sua nuova arrivata: comodissima e dalle linee semplici ma veramente accattivanti, disponibile in vari colori e finiture, è veramente comoda e non ci aspettavamo di meno.

MAGIS

Magis_Stark_salone2015

Attesissima la presentazione ufficiale del tavolo disegnato da Philippe Stark, preziosissimo per le nuove abitudini lavorative che vogliono l’ufficio flessibile, adatto a facili spostamenti. Con le sue ruote, elemento protagonosta anche dal punto di vista estetico, il tavolo Big Will permette di riconfigurare rapidamente lo spazio degli ambienti di lavoro, trasformando per esempio la sala riunioni in sala conferenze.

Questi sono i prodotti che ci hanno colpito di più, sicuramente nei prossimi mesi ci saranno anche altre novità degne di nota!

Tavola rotonda con Persone Curiose

Ambiente Ufficio si è messa in gioco.

Ha aperto le sue porte all’associazione Persone Curiose, che lo scorso sabato 6 Giugno ha visitato gli uffici dell’azienda ripercorrendo il giorno per giorno della nostra vita lavorativa.

Durante la visita in showroom, si è accesa la curiosità e il dibattito su temi che ci stanno molto a cuore
Durante la visita in showroom, si è accesa la curiosità e il dibattito su temi che ci stanno molto a cuore

logo_webPersone Curiose è un’associazione culturale che si informa e approfondisce argomenti di diversi tipi spaziando dall’attualità alla cultura, al lavoro al design, all’alimentazione ed il benessere: le Persone Curiose si pongono domande senza accontentarsi di risposte facili. In questo periodo vogliono approfondire la conoscenza di diversi ambienti lavorativi visitando aziende e confrontandosi con titolari e dipendenti.

 

Cosa c’è di meglio per capire come funziona il layout degli uffici,

di una visita in un’azienda che gli uffici, li realizza?

Attraverso una breve visita degli ambienti lavorativi, il nostro titolare, Mauro Longo, con il coordinatore del gruppo ospite, Filippo Dal Fiore, si è raccontato, ed ha fatto vivere la giornata tipo della nostra azienda al vivace gruppo di persone interessate, come esempio di impresa commerciale.

Attraverso il racconto ed il dialogo instaurato con gli ospiti, “curiosi” di nome e di fatto, sono emersi temi chevanno al di là del lavoro tecnico e commerciale e dei pregiudizi che si è abituati ad avere di fronte ad un’azienda che “vende un prodotto”.

Per questo vogliamo condividere quest’esperienza di tavola rotonda: i messaggi emersi possono essere di aiuto a chi sta pensando di acquistare qualche elemento per il proprio ufficio o lavora da casa (Home Office) e a chi vuole approfondire la nostra conoscenza.

Di cosa abbiamo parlato?

  • Si è parlato di RETE: Reti commerciali e reti culturali sono importantissime soprattutto per la nostra realtà regionale. È stata rilevata l’importanza di creare reti locali per certe tipologie di prodotto, cercando di sfruttare il più possibile la complementarietà a livello commerciale e l’analogia dei prodotti a livello culturale. Ci vuole un promotore, un leader e tutto deve funzionare come un’unica azienda. Le aziende stesse devono partecipare attivamente ed essere protagoniste della rete.

Fare rete significa mettere insieme capacità professionali, produttive e organizzative.

  • Naturalmente si è parlato anche di ARCHITETTI, della loro esigenza di distinguere il proprio progetto anche nei singoli elementi interni. Questo porta alla creazione sempre maggiore di prodotti su misura, tornando così a un’artigianalità sempre più ricercata.

Siamo nell’era della personalizzazione di massa.

  • Proprio per questo la più grande qualità di un commerciante nell’ambito dell’interior design è l’ASCOLTO: solo con una grande empatia è possibile capire le necessità del cliente e trovare le soluzioni migliori per lui, fino alla completa fiducia, in un dialogo continuo che porta ad andare verso una certa direzione, ma una volta realizzato il progetto, la soddisfazione del cliente è un regalo grandissimo!

L’idea nasce dal lavoro di tutto lo staff

  • Una SFIDA ad esempio di quanto detto finora sul lavoro di squadra, sul dialogo, anche con i fornitori, rete e realizzazioni su misura, è il progetto realizzato per Uniflair, nel quale spiccano non solo esempi di elementi custom, ma anche sperimentazioni di stili e materiali, nuovi concetti di lavoro d’ufficio e produzione a catena… seduti a una lunghissima scrivania di 150 m ininterrotti! Qui potete vedere il progetto.
  • La varietà di INTERLOCUTORI con cui si deve confrontare ogni giorno la nostra azienda è stata una scoperta per i nostri ospiti: dal cliente al fornitore, dall’artigiano al tecnico, al montatore, il coordinamento preciso degli attori del progetto prima e del cantiere poi, è necessario per la realizzazione nei tempi stabiliti.
  • Abbiamo parlato anche di PROCESSO CREATIVO, nel quale il cliente stesso ha un ruolo importantissimo come ogni elemento del nostro team, con la sua personale esperienza, le sue conoscenze tecniche e le sue intuizioni e creatività svolge un ruolo fondamentale all’interno di ogni progetto.
  • HOME OFFICE e strumenti per affrontare le giornate lavorative da casa, un tema che è sorto alla fine dell’incontro ma ha suscitato molto interesse, per questo ne parleremo presto in un altro articolo.

Dalla tavola rotonda con Persone Curiose sono nati molti spunti di riflessione sia per noi sia per i nostri ospiti, li abbiamo condivisi e magari presto approfondiremo.

Per ora possiamo solo dire GRAZIE a Persone Curiose per questa bellissima opportunità di confronto, di autoanalisi e di conoscenza dell’azienda, perché anche noi non smettiamo mai d’imparare!

 

 

 

 

 

 

Passeggiando per il Salone del Mobile #1

Ambiente ufficio al salone del mobile 2015 #1

Siete già stati al Salone del Mobile 2015?

Qui da Ambiente Ufficio siamo curiosi e osservatori proprio il Salone del Mobile di Milano è una di quelle occasioni per osservare, scoprire e anche imparare, che non ci vogliamo lasciar perdere.
Per questo abbiamo deciso di condividere con voi i dettagli che ci hanno colpito di più, mobili, allestimenti, intallazioni che hanno risvegliato la nostra curiosità e interesse.

Il salone dell’ufficio

Workplace 3.0 ci ha dato modo di scoprire e riscoprire aspetti del lavoro e della produttività: la cura per l’ergonomia e per la funzionalità degli spazi lavorativi è portata ai massimi livelli. i nostri partners ci hanno davvero stupito con le loro novità e le ambientazioni che hanno creato nei padiglioni.

La passeggiata di Michele Del Lucchi

Ci siamo La passeggiata De Lucchisoffermati particolarmente sulle novità riguardanti lo smartwoorking e proprio per questo ci ha emozionato visitare, capire e interpretare l’installazione creata da Michele De Lucchi: La Passeggiata.

Un percorso, 4 diverse dinamiche lavorative, svariate interpretazioni e innumerevoli punti di vista. Innumerevoli perchè attraverso il percorso creato da De Lucchi è possibile guardare il mondo dell’office working con occhi nuovi: girarci attorno, osservarlo da lontano, entrarci anche solo a curiosare o partecipare attivamente nei laboratori e nei workshops che sono stati organizzati.

Nell’ufficio è più importante muoversi che sostare […] Il lavoro sedentario è una condizione superata.

Questa è la frase di De Lucchi che riassume l’intera installazione, ma anche i principi dello smart working.

la passeggiata de lucchi
Dal libretto “THE WALK” di Michele De Lucchi

Attraverso i flussi di movimento, l’architetto è riuscito a creare diversi spazi, diversi mondi del lavoro:

  • THE CLUB : socialità e interscambio;
  • FREE MAN: Lavoro individuale e lavoro di gruppo, piccole sale riunione;
  • AGORA’: spazio per conferenze e auditorium;
  • LAB: processo creativo e comunicazione;
  • BELVEDERE: la camminata vera e propria;
  • COMPLICITY WHIT ART: installazioni a soffitto che delimitano ogni ambiente, come fonte d’ispirazione

Ce n’è da riflettere!

Ed i nostri partner? Sono stati capaci di stupirci con  le loro proposte innovative, curiose, ma lo vediamo nel prossimo post!

Salone del Mobile 2015: Guida all’uso per chi progetta uffici!

Miniguida per il salone del mobile 2015 Work place 3.0 by Ambiente Ufficio

Citazione di Einstein per Ambiente Ufficio crisi creativitàCome andremo al Salone del Mobile quest’anno? Certamente carichi di aspettative!

Gli ultimi movimenti del mercato portano molta positività nell’atteggiamento con cui affronteremo la fiera del mobile 2015.

E noi siamo sicuri che i nostri Partners hanno lavorato proprio con questa mentalità!

Si tratta dell’occasione per rilanciare il Made in Italy, ma anche per scoprire grandi designers stranieri e imparare da aziende che hanno fatto la storia o che, la storia, la vogliono fare adesso.

Ecco allora una piccola guida per trovare subito i nostri partners e non perdere nemmeno un metroquadrato de Padiglioni dedicati all’ufficio:

Workplace 3.0 Padiglioni 22/24

Se andiamo con l’intenzione di trovare novità sull’arredo da ufficio, possiamo passare a visitare gli stand organizzati dai nostri Partners, senza dimenticare l’attrazione principale per gli esperti in “office design”

Prendiamo quindi in mano la nostra planimetria: entrando dalla porta Ovest e guardando a sinistra troviamo subito il salone Satellite che ospita Workplace 3.0

HALL 24

HALL 22

  • UNIFOR HALL 22 | Stand D15 – E18
  • VAGHI HALL 22 | Stand E26 – E30
  • CAIMI HALL 22 | Stand B 29 C 20
  • SEDUS HALL 22 | Stand B 31 B 35
  • ARPER HALL 22 |Stand D 20 D 22
  • ICF HALL 22 |Stand C35 – D26

Proseguendo, sempre sul lato sinistro, troviamo il Padiglione 20, che ospita altri nostri partners

HALL 20

  • DE PADOVA HALL 20 |Stand E07 | F10
  • MAGIS HALL 20 | Stand C15 – D12
  • LAPALMA HALL 20 | Stand C 21
  • VITRA HALL 20, | Stand C 05/D 10
  • MOLTENI HALL 20 | Stand A01/B02/C02
  • ALIAS  HALL 20 | Stand B09 – C14

E infine, in zona centrale troviamo il padiglione numero 6 che si stanzia di fronte al 5

HALL 5 E 6

…E GLI EVENTI?

La-Passeggiata-Michele-De-Lucchi-Salone-del-Mobile-2015-workplace-3.0-wow-webmagazineCe ne saranno e tanti, tutti dedicati all’Office.

A cominciare dall’installazione “La Passeggiata” firmata da Michele De Lucchi, che ospiterà ricchi workshops dedicati al tema del layout degli ambienti lavorativi, openspace, design, nuove frontiere che si stanno facendo strada nell’ultimo periodo e che noi di Ambiente Ufficio siamo curiosissimi di conoscere.

In particolare segnaliamo:

  • Martedì 14 aprile ore 15.00 –
    Workshop “Qualità ambientale nel workplace”. A cura di: Assufficio
  • Mercoledì 15 aprile ore 11,00 – Conversazione sul ruolo dell’industrial design nella ripresa del settore Arredo per Ufficio. A cura di: Assufficio
  • Mercoledì 15 aprile, 15.00 – Andiamo! In marcia!
  • Giovedì 16 aprile, ore 11.00 – L’evoluzione del workplace. A cura di: IED Istituto Europeo di Design
  • Giovedì 16 aprile, ore 15.00 – Office design – oltre le postazioni di lavoro. A cura di: Scuola del design–Polidesign del Politecnico di Milano
  • Venerdì 17 aprile, ore 11.00 – Verso una “umanizzazione” degli spazi di lavoro
  • Venerdì 17 aprile, ore 15.00 – L’ufficio al cinema
  • Sabato 18 aprile, ore 15.00 – Extreme–open–space. A cura di: NABA

Il programma completo lo trovate qui.

Ci vediamo in Fiera!

Trovato tutto? Fateci sapere se vi sono piaciute le novità ed i trends e non esitate a chiederci informazioni : siamo pronti a consigliarvi sui vostri progetti speciali per i vostri nuovi uffici 3.0!

Insieme verso l’eccellenza: Sedus Dealer Partner Conference

Lo scorso 4 Dicenbre ci siamo recati a Bologna per partecipare all’incontro organizzato dal nostro partner Sedus, che ci ha presentato non solo i suoi ultimi prodotti, ma anche le ricerche svolte nel mondo dello smart working e dell’ufficio ergonomico. I risultati di tali ricerche ci hanno aperto gli occhi sul risparmio economico di cui godono le aziende con dipendenti sani e motivati.

Come raggiungere questo scopo? Attraverso l’investimento nella postazione di lavoro.

Sedus3L’ufficio Ergonomico: prevenzione e risparmio.

I risultati degli studi svolti dimostrano che in Germania una grande percentuale delle assenze per malattia è causata da problemi di tipo muscolare dovuti alla postura. Questo non solo influisce sull’efficenza, ma anche sulla motivazione del dipendente.
Attraverso una serie di calcoli legati alle statistiche, Sedus ci ha dimostrato che un lavoratore motivato e inserito in un contesto lavorativo ergonomico, porta un risparmio alla sua azienda, tale da finanziare in soli tre anni postazioni ergonomiche, con garanzia di 5 anni e durata minima di 10.
Un dipendente soddisfatto e a suo agio ha inoltre una maggiore produttività: i vantaggi di tale acquisto migliorano quindi con il tempo (fonte: Place 2.5, rivista Sedus).

Gli studi che dimostrano quanto una buona prevenzione basata sulla postazione di lavoro aiuti a migliorare l’atteggiamento del lavoratore, stanno aumentando negli ultimi anni; la buona notizia è che moltissime aziende stanno lavorando duro per permettere tale prevenzione. Una di queste è proprio Sedus, nostra partner, che ha investito nella produzione di mobili smart ed ergonomici, con la tradizionale efficenza tedesca.

Le novità di Sedus:

sedus1In relazione agli studi realizzati e ad un’attenta osservazione delle nuove dinamiche lavorative (smart working), Sedus ha presentato quindi la collezione esposta alla fiera Orgatec 2014, pensata per un ambiente lavorativo dinamico, flessibile, multifunzionale, ma soprattutto smart, non solo nella comunicazione fra le persone, ma anche nei momenti di lavoro,  nelle posture diverse a seconda della situazione e della stessa persona che utilizza la seduta o la postazione. Nella nuova collezione si tiene conto di posizioni lavorative innovative, del tempo realmente passato in ufficio e delle esigenze di privacy e concentrazione che mutano durante l’arco della gironata. Si tiene conto dei diversi tipi di riunione, che può avere luogo in modo standard o quasi in piedi, lungo i corridoi, con modalità ancora una volta dinamiche e veloci.

Nuove dinamiche con i clienti

Le analisi svolte da Sedus hanno evidenziato come siano cambiate anche le esigenze dei propri committenti:

  • hanno diversi approcci visivi, per questo propongono i nuovi programmi  PCon Planner;
  • riflettono nuove dinamiche di acquisto che vedono come protagonista il noleggio, grazie all’appoggio di Grenke.
Le nostre conclusioni?

Il mondo del lavoro sta cambiando molto velocemente e solo chi è preparato a questo cambiamento lo potrà affrontare.

Vogliamo dare quel valore in più ai progetti dei nostri clienti, che li aiuti a realizzare ambienti nuovi, ambienti su misura per le esigenze delle aziende che stanno formando e costruendo, progettando.

Chiedeteci informazioni: noi di Ambiente Ufficio ci stiamo preparando adeguatamente per offrire alla nuova generazione di clienti le esperienze di acquisto e di lavoro adeguate alle esigenze contemporanee, per garantire risultati innovativi ma anche duraturi e redditizi.

Ambiente Ufficio

 

Smart working, Venezia all’insegna dell’ufficio 3.0

Smart working

Siamo molto orgogliosi di aver potuto presentare lo scorso 8 Novembre, ai nostri amici, architetti e professionisti del settore, l’Architetto Giovanni Giacobone di Progetto CMR, che ci ha illustrato, un nuovo concept di ufficio: smart, flessibile, collaborativo e sostenibile.

L’evento si è svolto nella prestigiosa location di Palazzo Franchetti, sede dell’IED Venezia e arredato a suo tempo da Ambiente Ufficio.

L’incontro: Ufficio 3.0

IMG_1580_1Assieme ai nostri ospiti abbiamo visto come la progettazione integrata degli ambienti lavorativi, che prende in considerazione tutti gli aspetti sia spaziali che relazionali e di flusso, l’ambiente lavorativo può essere progettato e quindi vissuto in modo migliore.

IMG_1556_1Il progetto dev’essere capace di adattarsi ai nuovi ritmi lavorativi, ai nuovi networks, alle nuove figure professionali alle esigenze umane del XXI secolo;  ne consegue una maggiore efficenza, e sostenibilità sia dal punto di vista economico che ambientale.

Le postazioni di lavoro sono così ridotte, poichè i dipendenti non passano più in sede l’intera giornata lavorativa; sono flessibili, intelligenti e possono cambiare spesso modalità di lavoro.

Il dibattito

IMG_1581_1 L’interesse suscitato dal nuovo concept lavorativo presentato dall’architetto Giacoboni ha fatto nascere dubbi e domande, che si sono alternate in un dibattito che ha permesso di approfondire ulteriormente il tema.

L’incontro si è concluso con la certezza che il cambiamento culturale che stiamo vivendo è molto forte e dev’essere compreso dagli stessi architetti, responsabili della creazione dell’ambiente lavorativo fisico, ma anche dagli stessi imprenditori, che devono rendersi conto che le esigenze dei singoli lavoratori sono cambiate sia dal punto di vista professionale che umano: sono cambiate le iterazioni, tra le persone, sono cambiati gli strumenti e le tecnologie, sono cambiati i tempi ed i luoghi di lavoro.

La Biennale

Al termine dell’incontro tutti i partecipanti si sono recati alla Biennale di Architettura, ospiti di Ambiente Ufficio. Durante la visita abbiamo avuto modo di apprezzare un’installazione della Unifor (uno dei nostri partner); si tratta della Parete SC&A, installata in uno degli spazi espositivi del Padiglione Centrale.

Erano inoltre presenti i mobili della nostra consociata Venezia Homedesign nella stanza della storia della Biennale all’arsenale (la seduta Aku) e nel ristorante le Bombarde (i pannelli fonoassorbenti).

Quest’anno la manifestazione dedicata all’architettura ha ospitato 65 Nazioni ed ha raggiunto un’affluenza superiore alle 200.000 visite totali.